Meglio prevenire che doversi difendere.


<center> a localizzatori satellitari o GPS Traker le vittime perseguitate possono sapere costantemente dov’è lo stalker, il che spesso salva loro la vita.

Grazie a localizzatori satellitari o GPS Traker le vittime perseguitate possono sapere costantemente dov’è lo stalker, il che spesso salva loro la vita.

Col caldo aumentano i femminicidi, gli episodi di violenza a sfondo sessuale e i maltrattamenti in famiglia; intendiamoci: la calura estiva non ha nessuna colpa, è il genere umano ad essere malvagio per natura.

Ogni estate aumentano i crimini violenti di coppia e le situazioni a rischio di cui si occupa la mia Agenzia Investigativa. Quando analizzo ogni singolo caso, seppur unico e differente, emergono sempre le stesse condizioni e dinamiche:

1) La vittima non ha dato ascolto al suo primo istinto, che le suggeriva di evitare la situazione a rischio.

2) La vittima ha confidato in una assistenza che non c’è stata; è deprimente vedere come la gente si faccia i fattacci propri anche di fronte a situazioni di grave emergenza.

3) La vittima ha ignorato o sottovalutato il problema sino a quando la situazione è precipitata.

4) La vittima non ha mai pensato di attrezzarsi per aumentare le proprie capacità autodifensive o, se l’ha fatto inizialmente, poi col tempo ha dimenticato le buone abitudini, le utili precauzioni e il proprio spray antiaggressione in fondo alla borsa.

Ripeto spesso ai giovani detective della mia Agenzia Investigativa che stanno scegliendo la loro prima arma per autodifesa: “Meglio una piccola pistola che nessuna pistola”. Perché so che è facile farsi prendere dall’esaltazione da “.44 Magnum dell’Ispettore Callaghan”, per poi lasciare a casa l’artiglieria perché non ne puoi più di trasportarla come un fante addetto al mortaio.
Mutatis mutandis alle donne maltrattate o a rischio di aggressione, che si rivolgono alla mia Agenzia Investigativa per prevenzione, suggerisco di ridurre le dimensioni del proprio spray antiaggressione per poterlo avere sempre con sé, piuttosto che rinunciarvi perché troppo scomodo da portare.

Al momento il miglior spray antiaggressione resta la Walther PDP della Umarex, perchĂ© ha un’impugnatura a pistola molto salda, assomiglia a una pistola (fungendo da deterrente), ma soprattutto ha una gittata balistica di circa 3 metri. Quest’ultima, con un po’ di fortuna, consente di evitare il corpo a corpo, particolare sfavorevole per la donna, perchĂ© in genere è muscolarmente inferiore all’uomo.

Infine un ruolo determinante lo gioca la prevenzione. Quando il pericolo è generico ed imponderabile, prevenzione significa svolgere tutte le quelle azioni anticipate di protezione come chiudersi in casa e in auto, parcheggiare in luoghi sicuri e non prendere ascensori con una persona sconosciuta.
Quando, invece, il pericolo è identificato esattamente in uno stalker o in un ex-partner violento, la prevenzione può essere facilitata dalla tecnologia: con i localizzatori satellitari o GPS Traker la mia Agenzia Investigativa mette le vittime perseguitate in condizioni di sapere costantemente dove si trova il veicolo del loro aguzzino, il che spesso significa avere salva la vita.