I furti nel periodo estivo.


Oggigiorno la tecnologia aiuta molto il lavoro di un’Agenzia Investigativa sia nel campo della sicurezza sia in quello della sorveglianza

Oggigiorno la tecnologia aiuta molto il lavoro di un’Agenzia Investigativa sia nel campo della sicurezza sia in quello della sorveglianza

Molti anni fa un cliente della mia Agenzia Investigativa ricevette la visita dei ladri nella sua villa mentre era in ferie.

All’epoca la videosorveglianza era ai primordi: pochi impianti dalle scarse prestazioni nelle abitazioni private e nessuna telecamera lungo le strade pubbliche. I Carabinieri fecero alcuni blandi accertamenti, quindi il derubato deluso si rivolse a me come fossi stato Sherlock Holmes e non un modesto titolare di Agenzia Investigativa. Feci un sopralluogo sulla scena del crimine più per cortesia che altro, perché convinto non avrei mai risolto il caso. Eppure i ladri avevano lasciato talmente tante tracce che identificai il responsabile tra gli operai di un’azienda vicina. Da allora mi sono fatto una reputazione immeritata e, soprattutto nel periodo estivo, vengo regolarmente interpellato da vittime di furti già consumati o da potenziali vittime in cerca di una valida prevenzione; un incubo sino a qualche tempo fa, perché la mia Agenzia Investigativa s’occupa di sicurezza solo marginalmente e non mi sono mai tenuto molto aggiornato sull’argomento.

Tuttavia, ultimamente l’esperienza maturata nell’impiego di telecamere durante appostamenti e pedinamenti, mi ha permesso di suggerire sempre l’impianto di videosorveglianza giusto, che deve avere le seguenti caratteristiche:

  • Essere invisibile, cosa facile oggigiorno con la miniaturizzazione e il camuffamento delle telecamere. Anche a coloro che praticano una filosofia di deterrenza attraverso videocamere ben visibili, consiglio di installarne comunque alcune nascoste.
  • Avere un’ottima qualitĂ  d’immagine attraverso un’altissima definizione e un elevato numero di fotogrammi/secondo (il riconoscimento dei volti anche di soggetto in rapido passaggio è fondamentale per una Agenzia Investigativa che si occupi di sorveglianza, ma anche per identificare un intruso).
  • Essere dotato di illuminazione a infrarossi invisibile a occhio nudo (940nm), caratteristica che fa parte dell’invisibilitĂ  della telecamera.
  • L’apparecchio non deve entrare nella funzione “otturatore lento” in scarsitĂ  di luce, altrimenti si perdono tutti i movimenti veloci sotto l’occhio della telecamera.
  • Avere una funzione motion detection molto reattiva ed efficiente per l’area che si vuole coprire.
  • Avere il collegamento wi-fi o connessione simile per ricevere immediatamente tutti gli avvisi e le clip video sullo smarphone.
  • Avere un dispositivo anti-jammer in caso di inibizione dolosa del segnale.
  • Avere un sistema di memorizzazione dei video inviolabile dai malintenzionati. Una volta si installava il videoregistratore in una cassaforte, adesso con la possibilitĂ  di utilizzare un archivio cloud tutto è piĂą semplice e sicuro.
  • Avere un sistema di batterie per garantire il funzionamento di tutto l’impianto anche in caso d’interruzione della corrente elettrica.

Oggigiorno la domotica aiuta molto ad avere il pieno controllo dell’abitazione anche durante la propria assenza. Ma anche per coloro che non abbiano una casa nuova, costruita secondo i più moderni criteri di automazione, esistono numerosi prodotti dai costi abbordabili e di facile installazione, con cui è possibile rendere più sicuro qualsiasi edificio.